Inrange Philips

InRange, il chip Philips che ritrova il tuo iPhone e non solo!

Pubblicato il 13 giugno 2013 - 14:49 da in Technews

Taggato con: , , ,

Philips ha ideato InRange, un accessorio gestito tramite app, che ritrova i tuoi oggetti personali o il tuo iPhone.

Inrange appNegli Stati Uniti ogni minuto vengono smarriti o rubati 100 cellulari circa, per un totale complessivo di 20 milioni di dispositivi l’anno. Cifre da far perdere anche la testa: InRange cerca di porre rimedio a tutto ciò.

L’innovativo dispositivo prodotto da Philips funziona tramite la più recente tecnologia Bluetooth 4.00 ed è compatibile con l’Iphone 5 e 4S, e con l’ultimo modello di Ipad.

Il suo funzionamento è molto semplice: basta inserire un chip a forma di carta di credito spesso 3,8 mm, nel portafogli, nella tasca interna della borsa o appeso al portachiavi.

Il chip si connette così all’app e crea un collegamento invisibile di protezione con il vostro iPhone funzionando in entrambe le direzioni: è possibile cercare l’oggetto al quale avete associato fisicamente l’accessorio tramite l’app installata sull’iPhone o, al contrario, cercare il Melafonino premendo il pulsante sull’accessorio.
Inoltre, non appena il collegamento si interrompe, l’app vi avverte tramite un allarme acustico.

L’applicazione consente infine di dirvi il punto esatto dove l’oggetto smarrito si trova e la sua distanza entro i 40 metri.

Con InRange nulla è perduto!

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su

Autore dell'articolo

  • Ho una laurea triennale in Scienze della Comunicazione ed una conoscenza approfondita dei vari sistemi ed ambienti operativi Windows: da sempre ho infatti una grande passione per l’informatica.
    In particolare mi piace tenermi costantemente aggiornata riguardo al funzionamento, uso e personalizzazione dei programmi più diversi, per poter poi fornire un migliore servizio di assistenza e una più veloce risoluzione di eventuali problemi.
    Sono fiera di essere la prima figura femminile che entra a far parte del Team Sapoto!

    Guarda tutti gli articoli di Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam